Serenella Presutti

serenella 120

Serenella

Dirigente scolastico, psicopedagogista e counselor della Gestalt Psicosociale

 

Potrei esservi utile se mi chiedeste il mio punto di vista circa problematiche che riguardano le “dinamiche” che esprimono alcuni comportamenti dei gruppi che vivono nelle organizzazioni, in particolare in quelle con obiettivi educativi (scuole, ma non solo), come anche per le problematiche che riguardano i rapporti Scuola-Famiglia, in particolare per quelle famiglie che trattano “bisogni speciali”.

 

Perché? Mah…soprattutto per l’esperienza che ho maturato in quasi 30 anni di “professione”

 

Educativa; prima educatrice/ricercatrice in case famiglie sperimentali (all’inizio degli anni ’80 erano solo sperimentazioni e non realtà come attualmente) e poi di insegnante e psicopedagogista impegnata in Progetti “speciali” (regionali e nazionali) per la lotta all’evasione e dispersione scolastica.

 

La specializzazione triennale in counsellor (attualmente anche con acquisizione di tecniche di coaching) ha arricchito la mia formazione psicopedagogica, secondo il modello della Gestalt psicosociale in particolare si è orientata alla Dinamica delle Relazioni e della Comunicazione nelle Organizzazioni.

 

Negli ultimi cinque anni sto approfondendo questi argomenti in “chiave europea”…spostando più in là il punto di vista e soprattutto la capacità di analisi e comprensione dei problemi relazionali nelle organizzazioni.  

 

Autrice dell’ebook “Perché non mangi la minestra?”, Sysform Editore e membro della redazione della rivista online lascuolapossibile.it . Ho partecipato con la mia scuola alla precedente esperienza di Netpupils, il social network per i più giovani che ha avvicinato il mondo della scuola ai nuovi strumenti di comunicazione utilizzati dai nostri alunni già dalla tenera età. Sono convinta che la scuola sia l’Istituzione giusta per accompagnare anche i genitori ad acquisire un atteggiamento più consapevole dell’utilizzo dei social network da parte dei loro figli anche partecipando al progetto NET for KIDS.