Vacanze, vacanze ... Giubilo o disperazione?

IO AMOLe vacanze che iniziano con la chiusura della scuola, si sa, sono un problema non indifferente per molti genitori, soprattutto per chi non può contare sull’aiuto dei nonni o di qualche membro della (ormai inconsueta) famiglia allargata. E’ un periodo certamente impegnativo per quanti hanno figli che non possono essere lasciati soli a casa perché troppo piccoli. Il vaglio delle soluzioni offerte dei centri estivi è ciò che impegna molti genitori che già dal giorno dopo il termine delle lezioni devono avere una soluzione … a portata di mano.

Il tempo delle vacanze, poi, rappresenta un tempo comunque molto più lungo da impegnare e il rientro dal centro estivo lascia ancora spazio ad altre azioni più casalinghe, che spesso si trasformano in tempo da trascorrere sul web. Oltre il curiosare su Google, cercare video su yuotube, è ormai inevitabile la frequentazione dei social network più famosi, tra questi Facebook anche per i più giovani.

Sebbene sia di questi giorni la notizia di una maggiore attenzione dedicata da questa azienda anche ai più piccoli –che ricordiamo, per creare il loro profilo debbono alterare la data di nascita e inventarsi un’età superiore ai 13 anni, e spesso l’età dichiarata è esageratamente superiore alla realtà- la frequentazione il più delle volte solitaria di questa social community, continua a presentare delle perplessità. Il rischio di cadere in adescamenti a sfondo pedofilo è stato recentemente tradotto in dati pubblicati dalla Polizia Postale, dati che sottostimano il fenomeno perché è risaputo che non tutti i ragazzini comunicano ai genitori di essere incappati in qualche “aggancio” poco pertinente, per timore di perdere la libertà di navigare e chattare.

Ecco quindi un buon motivo per tutelare i nostri figli senza negare loro il diritto di comunicare in rete, una rete che sia consona però all’ esigenza di tutela del minore e non di “trappola” in cui cadere.

NET for KIDS si prepara allora ad accogliere gli under 14 che, con il maggior tempo a disposizione, perché in vacanza dalla scuola, hanno necessità di essere sollecitati ma anche monitorati più del solito affinché la qualità del tempo quotidiano a disposizione non si esaurisca ancora di più in un vagabondare digitale senza confini.

Cosa proponiamo loro? Un tema che sappiamo essere di loro interesse, accompagnati da chi può soddisfare loro curiosità e anche nuove conoscenze.

Da giovedì 21 giugno 2012 prende il via il gruppo “IO amo il mio cane”, spazio di incontro e confronto curato da Giulia Cordovani, giovane comportamentista cinofila, amante dei cani e in sintonia con bambini e ragazzini. Domande e risposte, informazioni e sollecitazioni, mostre fotografiche e indicazioni per come comunicare meglio con il proprio cane e tanto altro per gli iscritti a NET for KIDS.

Un esperto a disposizione per vostro figlio: che dite, vorreste avere anche voi uno spazio dedicato ai vostri interessi, alle vostre domande? Tutto a portata di un click!!

Un gruppo da non perdere … e gli adulti rimangono fuori, perché altri si prendono cura dei nostri bambini e ragazzi.

Lo staff di Net for Kids